Elenco Servizi

DEFINIZIONE

La tossina botulinica è una neurotossina capace di inibire la trasmissione dell’impulso nervoso. Il trattamento con tossina botulinica provoca la denervazione selettiva della muscolatura del distretto facciale per correggere gli inestetismi dovuti alla presenza di rughe. In particolare, vengono bloccati i muscoli responsabili della formazione delle rughe dinamiche o d’espressione, poste prevalentemente a livello frontale e perioculare.

L’effetto che ne risulta è quello di un rilassamento muscolare temporaneo. Il recupero della funzione muscolare dipende dalla velocità alla quale la tossina viene metabolizzata dall’estremità dei nervi, e dalla velocità di ripristino delle proteine danneggiate.

Un’altra possibile applicazione è la correzione di asimmetrie tra i sopraccigli e della ptosi palpebrale (caduta della palpebra superiore).

La tossina botulinica si applica tramite microiniezioni nei muscoli da bloccare. Le quantità utilizzate sono molto piccole, per cui il rischio di un avvelenamento sistemico è nullo.

Trattare le rughe d’espressione con la tossina botulinica è il trattamento più semplice, meno invasivo e più efficace che abbiamo oggi a disposizione. La tossina botulinica generalmente manifesta il suo effetto terapeutico entro due o tre giorni dall’iniezione; l’effetto raggiunge l’apice intorno alla terza settimana e si protrae fino a tre-quattro mesi dopo l’inoculo.

 

 

QUALI RISULTATI PUO’ DARE LA TOSSINA BOTULINICA?

Il trattamento con tossina botulinica può:

Ridurre o eliminare temporaneamente le rughe dinamiche e di espressione

 

QUALI RISULTATI NON PUO’ DARE LA TOSSINA BOTULINICA?

Il trattamento con tossina botulinica:

non migliora le rughe non dinamiche, che devono essere corrette con altri trattamenti

è limitato alle zone frontali, periorbitali e perilabiali;

è comunque reversibile, ed i suoi effetti si annullano in 3-4 mesi.

 

QUALI SONO LE POSSIBILI COMPLICANZE DELLA TOSSINA BOTULINICA?

Anche il trattamento con tossina botulinica, come ogni altra terapia medica o chirurgica, potrebbe generare complicazioni che, seppure poco frequenti, debbono essere conosciute.

Le possibili complicanze della tossina botulinica sono:

reazioni allergiche alla tossina o agli eccipienti; tali reazioni hanno luogo nei giorni

immediatamente successivi al trattamento e sono transitorie;

ptosi palpebrale, diplopia, ectropion, ipocorrezione o ipercorrezione del difetto con conseguente riduzione della mimica e dell’espressività facciale; tali complicanze sono comunque temporanee;

emicranie, debolezza muscolare, dolore al volto, eritema (tali complicanze, che avvengono in circa un caso su cinque, sono in genere di gravità minima o moderata);

raramente, si posso verificare: tensione della pelle, parestesia, nausea, vertigini, spasmi muscolari, blefarite, dolore all’occhio, sindrome influenzale, edema, astemia, febbre, reazione fotosensibile, prurito, secchezza della pelle, disturbi della vista, ansia, secchezza orale, infezione (tali complicanze sono anch’esse in genere di gravità minima o moderata);

possibile dipendenza psicologica: il paziente si sente depresso se non rinnova il trattamento alla scomparsa degli effetti, soffrendo il ritorno ad un aspetto meno giovanile.

 

 

PRIMA DEL TRATTAMENTO

Informare il medico di qualsiasi eventuale trattamento con farmaci (soprattutto antibiotici aminoglicosidi, spectinomicina, rilassanti di tipo muscolare – tubocurarina, cortisonici, contraccettivi, antipertensivi, cardioattivi, anticoagulanti, ipoglicemizzanti, antibiotici, tranquillanti, sonniferi, eccitanti, ecc.).

Segnalare le eventuali allergie, ed in particolare quelle ai farmaci ed ai cosmetici.

Segnalare la presenza di patologie quali: disordini neuromuscolari periferici,   miastenia grave, sclerosi laterale amiotrofica, sindrome di Eaton Lambert;

Segnalare un’eventuale gravidanza, o possibilità di gravidanza, ed allattamento.

Il giorno del trattamento, struccare accuratamente tutto il viso, con particolare attenzione alla rimozione del mascara dalle ciglia.

 

 

CHE COSA BISOGNA FARE DOPO IL TRATTAMENTO CON TOSSINA BOTULINICA?

Dopo un trattamento con tossina botulinica:

occorre seguire scrupolosamente le prescrizioni del medico;

occorre evitare di chinarsi e di portare gli occhiali nelle 3-4 ore successive al trattamento;

occorre evitare attività che possano favorire una vasodilatazione (come palestra e sauna) nelle 24 ore successive al trattamento;

al minimo dubbio di un andamento anormale del periodo post-trattamento o per qualsiasi altro problema inerente il trattamento, consultate senza esitazione il vostro medico.